Most Popular


Insight into Rann Utsav at Great Rann of Kutch
When it comes to counting colors, moods, moments &occasions, no alternative place in India, if not the globe, is additionalversatile ... ...





"╚ orrendo ma anche umano provare invidia per la propria figlia"

Rated: , 0 Comments
Total hits: 0
Posted on: 10/09/18
Se gli autori italiani sono incapaci di girare film sulla borghesia, sfornando invece "canari" e disperati di Roma-Ostia, i francesi portano sul grande schermo storie popolari anche estreme e tremende, ma narrate dal salotto di casa, tra un calice di rosso e un disco di Cole Porter. Oppure dai banchi d'un liceo parigino, dove l'eroina de Il complicato mondo di Nathalie (da giovedý), commedia graffiante dei fratelli Foenkinos, non solo Ŕ un'insegnante di lettere cinquantenne e divorziata, con la luna storta per via della menopausa, ma Ŕ anche una madre della classe media, divorata dalla gelosia e dall'invidia. Anche nei confronti della figlia 18enne, splendida ballerina dell'OpÚra che Nathalie, questo il nome dello disturbata protagonista, Ŕ pronta a mandare in choc anafilattico, condendole l'insalata con l'olio di noci al quale Ŕ allergica. Distrazione' Odio malcelato' In ogni caso, a infrangere il tab¨ della rivalitÓ tra madre e figlia c'Ŕ Karin Viard, la Meryl Streep europea e vedette di film politici come L'odio (1995) di Mathieu Kassowitz o popolari come La famiglia BÚlier (2014). Un'attrice versatile, vincitrice di due Premi CÚsar e giurata a Cannes. Originaria di Rouen, 52 anni, due figlie Marguerite e Simone, di 20 e 18 anni e una bellezza discreta, fatta di occhi sinceri e sorrisi aperti, Karin racconta di sÚ e del suo ruolo.Nel film dei Foenkinos lei passa repentinamente da madre attenta a invidiosa patologica. Non teme di risultare antipatica'"Sý. Ma stranamente mi piace la sua umanitÓ frustrata. Non Ŕ un film convenzionale. Interpretando la parte della fornaia razzista in Parigi, il regista CÚdric Klapisch mi diceva: Il miglior modo d'interpretare un personaggio cosý, Ŕ abbracciarlo. E cosý ho fatto anche stavolta. Invitando i Foenkinos ad andare oltre, nella scrittura".Che cosa voleva aggiungessero'"Il fatto Ŕ che Nathalie Ŕ orrenda, si comporta male dicendo in faccia agli amici cosa pensa di loro, ma al tempo stesso Ŕ disperata e sola. Quando dice alla sua migliore amica che la figlia di lei Ŕ un cesso, non si rende conto d'essere sgradevole. Non vorrei essere come lei, nella vita, nÚ la giudico. Per˛ la sua umanitÓ mi ha convinto. Di base, Ŕ un'invidiosa, ma in lei scorre una vena sotterranea di dolore: ha un folle bisogno d'essere amata. E mi Ŕ piaciuto mescolare i due elementi. Chiunque pu˛ identificarsi in lei, malgrado tutto".Nathalie vive con sua figlia, eppure si sente sola, nonostante gli amici. ╚ invidiosa del buonumore altrui'"Assolutamente sý. Spesso l'invidia nasce da un senso d'insicurezza, dalla scarsa stima di sÚ. Non ho questo tipo di rapporto con le mie ragazze, ma capisco che una madre possa mettersi in competizione con le figlie, quando esse sbocciano in bellezza e freschezza. ╚ un tab¨ dire che si Ŕ invidiose delle proprie figlie... le relazioni familiari, a volte, sono molto violente. E la societÓ non risponde con gentilezza alle cinquantenni".Ha una carriera intensa: oltre 60 film e molti riconoscimenti. Che cosa le piace, del suo lavoro'"Ogni film Ŕ un'avventura particolare, che mi consente di raccontare la mia storia. Di mio, sono allegra e sincera: quando trovo un regista che, per me, non ci sa fare, glielo dico. Non ho mai problemi con i personaggi disturbanti. Da spettatrice, mi piace detestarli!".Che tipo di madre Ŕ con le sue figlie'"Con loro Ŕ come arrivare su un campo coperto di neve e lasciare le prime tracce: una formula che mi aiuta! Le lascio libere e cerco di risarcire la mia, di infanzia. Mia madre ha lasciato me e mia sorella dai nonni, quando si separ˛ da papÓ".




>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment


Login


Username:
Password:

forgotten password?